• 06 Nov 2018 by Alan Gravano

     

    Italian  Diaspora Studies

    Writing Seminar — Heritage and Memory

    Calabria-Lucania, May 15-29, 2019

    Have you ever fancied wanting to write your history or the history of your family, sifting through childhood memories, digging into your roots and past lives of people close to you? Have you ever started a writing project of any type, but could not complete? Are you intrigued by the study of origins and the phenomenon of mass diaspora in the world? Have ever wanted to explore hidden parts of South Italy and its rich culture, and to learn more about the Italian diaspora?

    For all of the above and other related pursuits, The University of Calabria’s Italian Diaspora Studies Seminar is pleased to launch a new residential program dedicated to the topic of Cultural Heritage and Memory.

    Whether you are of Italian origin or not, this program offers you an incomparable opportunity to sojourn in Calabria and Lucania to live a unique experience than will enhance your life, enrich your culture and stimulate your creativity.

    With the Patronage of the Canadian Embassy of Rome, and with the expected renewal of the Patronage of the US Consulate Naples, this seminar, from now on referred to as IDs, will be held in the northern part of Calabria and in Lucania, with a day-trip in Matera, European Capital of Culture 2019, from May 15th to May 29th, 2019.

    It is a two-week program. The first week is held in Morano Calabro (CS), in the National Park of Mount Pollino, and the second week in Albidona (CS), on the Ionian Coast of Calabria, at the border with Lucania, with several planned field trips in the surrounding areas.

     

    Goals

    Building on the past activities, this year’s IDs is aimed at establishing a broad transnational perspective on the Italian diaspora, through a Community-Engaged Scholarship program characterized by the mission of focusing on the South of Italy and on the importance of material culture and of historical heritage that can be experienced only by visiting the specific locales of the diaspora, such as landscapes, spaces, food, music, and dance. Our program is founded on an intersectional perspective and relies on the interpretative tools of Gender, Class and Ethnicity.

    In this transnational, interdisciplinary program, participants will experience the vibrant feeling of being immersed in a platform of dialoguing, comparing and networking with different Italian diasporas across the globe, connecting regional spaces where the issues of past migration are still present today. Formal and informal talks will create a lively and engaged program that will stimulate the creativity regarding memory and writing, and will also offer participants a unique opportunity to visit the beautiful and historically rich regions of Calabria and Lucania.

     

    People

    IDs 2019 is directed by Professors Margherita Ganeri and Vito Teti, assisted by Connie Guzzo McParland.

    It is an intensive seminar on creative writing. It offers a principal writing workshops, in English, with Maria Mazziotti Gillian. Entitled: The Power of the Past: Writing Poetry to Save Your Life, this will concentrate on writing about ancestries and histories. Participants will be encouraged to believe that their stories and memories are rich sources for poetry. They will be incited to take risks in their writing by taking “deep dives” into the past and by getting in touch with their truest and bravest selves.

    Other sessions, taught by Margherita Ganeri, Connie Guzzo MacParland and Vito Teti, will be dedicated to the anthropology and literary culture of the South of Italy and of its diasporic history and literatures, in the light of the so-called Southern Question. Field trips will be preceded by lectures, some of them inspired by the well-known Carlo Levi’s novel Christ Stopped at Eboli. Other names of writers and scholars TBA.

     

    How does it work?

    Classes will be held in the mornings. Some afternoons will be dedicated to field trips, other will be left free for writing. During the two weeks of full immersion, even moments of leisure are planned to stimulate creativity through the acquired knowledge of local traditions and its context. Participants will be guided in the writing of creative works, be it poetry, short stories, parts of novels or memoirs, and they will read their writings in public in convivial late evening spaces. The works will be published in a dedicated volume, including an eBook format, by Rubbettino Editore.

    The program is bilingual (English-Italian). It is preferable, though not necessary, to have a command of both languages, but the writing will be created in the language of choice.

    The University of Calabria will provide a certificate of attendance. On request it is possible to issue a certificate with a value of six credits from The University of Calabria.

     

    Who can apply?

    IDs is not a purely academic program. It is opened to anyone interested in learning about the Italian diaspora in the world and about Italy, and to visit the places of the emigrants’ departures, immersing oneself in an all-encompassing experience, including the sensory, in the real and cultural spaces of South Italy.

    Why apply?

    IDs promises to be a life-changing experience. It is a cultural endeavor, an occasion to search for roots and identity, and to be connected with the source, while closely interacting with well-known writers and scholars. It is also a great opportunity to visit Calabria and Lucania in a not-simply- touristic way, and at the lowest possible cost for a quality stay.

    Our program is carried out in the territory involving local villages, people and institutions, in order to better present their life and their rich history and beauty, and to promote a process of cognitive growth through immersion – visual, audible, linguistic, culinary – in the places from which the diaspora began and has left many traces.

    The territory is now marked by the presence of immigrants, as is demonstrated in the case of the town of Riace, made famous all over the world. Therefore, the immersion in the villages  and the local communities will offer encounters with the present-day reality of immigration and the new Italian multiculturalism. The objective of the program is to construct a pathway of experiential cultural formation, destined to change, in the participants, the image of South Italy and the meaning of Italian origin.

     

    Accomodations and Meals

    The accommodations are in refined hotels.

    The first week will be spent in Morano Calabro, a medieval borgo in the center of Pollino National Park, on the list of the “Borghi più belli d’Italia” and “Bandiera arancione” del Touring Club Italiano.

    We will be staying in the albergo diffuso “Il Nibbio”, in the historical center, whose apartments are exquisite and very well restored.

    The cuisine will be local, seasonal and organic.

    Lessons in show cooking and local recipes are also planned. http://www.ilnibbio.it/ospitalita-diffusa/

    The second week will be held in the “Masseria di Torre Albidona”, an ecological farm of about 80 hectares, on a panoramic setting overlooking the Ionian Sea, with  its  own  private beach, surrounded by a pine forest, and a swimming pool. The rooms are located in ancient farmhouses philologically restored. The cuisine, which bears the name of the chef Pietro Acciardi, combines tradition with innovation. The raw materials, strictly local and seasonal, are of high quality.

    http://torredialbidona.com

    Field Trips

    Field trips in Calabria include:

    • The National Park of Pollino is a treasure chest of archaeological sites, sanctuaries, and castles. The Pollino’s mountains, along with its very ancient routes from the Tyrrhenian to the Ionian Seas, have been at the center of economic, religious, and cultural activities of many autochthonous peoples and settler colonialism’s civilizations. On the Pollino’s mountainous range there is the only Italian population of Bosnian pine (imported by the ancient Greek colonialism), other plants, and rare animals, as well as the Egyptian vulture.

     

    • The museum of Byzantine Icons of Frascineto. Since the fifteenth century, Frasnita is a stronghold of the culture, language, and religion of the arbëreshë diaspora. Moreover, the Italo-Albanian Byzantine Catholic Church is a unique hybrid religion.
    • Civita was another arbëreshë settlement. Çifti old town is set among the Raganello’s canyon, offering a visit to museums, mills, churches, and palaces from the Calabrese multi- ethnic Renaissance.
    • The Palaeolithic site of Papasidero is an archaeological park and a museum that show a thousand-year diasporic civilization. Since 12000 years ago, Calabria and Basilicata have been crossed by the obsidian trade routes, from the rich deposits of the Aeolian Islands to Africa, Asia, and Europe. The Bos primigenius’ graffiti (along with bones) testifies the very ancient presence of the extinct bovine breed from which the domesticated cows descends.
    • Among the Palaeolithic ports of obsidian, the Greek and then Roman colonies, the towers of the Carthaginians, Vandals, Goths, Longobards, Byzantines, Normans, Saracens, Spaniards, French, etc., Maratea and the Tyrrhenian coast of Basilicata offer high rocks overlooking the sea, strewn with ancient stories of emigration, immigration, and colonialism.
    • In classical antiquity, Cosenza was the capital of the Brettii, mixed-race from the ancient Greek settlers and the aboriginal Oenotrians. Today it is the provincial capital, home to museums, churches, palaces, and architecture that represent two thousand and five hundred layers of history. In the countryside around Cosenza, where grapevines and olive trees have been cultivated for four thousand years, the University of Calabria is the largest campus in the region.

    Field trips in Basilicata, following the reading of Carlo Levi’s Christ Stopped at Eboli,

    include:

    • At the time of the ancient Romans, Praedium Allianum had already been inhabited since the Neolithic, being a route of trade between Oenotrians, Greeks, and Etruscans. Aliano was a camp of the Pyrrhus army and shelter for Basilian monks refugees who fled from iconoclastic persecution. Carlo Levi was confined to Aliano, where he was buried.
    • Bernalda is a medieval village where the castle overlooks the precious churches, squares, monuments, and palaces designed with a millennium of architectural different styles from three continents. The grandparents of Francis Ford Coppola emigrated from Bernalda.
    • Matera was the first UNESCO site in southern Italy. The karst ravines have hosted the Paleolithic and Neolithic civilizations. The rock-cut architecture of the ancient city was cohabitated by many Mediterranean civilizations that have been here for thousands of years. Matera was the contact zone between the native Oenotrians and Mycenaean civilizations, the Magna Graecia and the Lucanians and Iapygians, the Romans and the Lombards, the Saracens, the Byzantines, the Franks of Louis II of Italy. Various other colonialisms have sown in this ancient agricultural land, up to being the first city in southern Italy raised in arms against Nazi-fascism. This year Matera is the European capital of culture, hosting a year of celebrations, exhibitions, shows, and concerts.

     

    • The Metaponto's archaeological parks and museum preserve a civilization begun in the 7th century BCE. The powerful colony of Sybaris (in Calabria) organized the construction of a buffer state close to the border with the strong Spartan colony of Taras (Latin: Tarentum). The settler colonialism of the Achaeans was centered on the production of barley for export. Pythagoras founded his own school in the city. Metapontum hosted the troops of Pyrrhus, Hannibal, and Spartacus. Although the Roman, Medieval, Renaissance, and Baroque religious and civil architectures of the area were built with the remains of the Greek city, the abundance of archaeological remains is astonishing.
    • The Nostoi’s legends, the heroes of the Trojan war dispersed, emigrated or exiled in the south of Italy echoes the historical evidence of the Mycenaean emporiums within the Oenotrians villages. Between the 8th and 7th centuries BCE, the Greek colonists founded Siris. The city declined with the defeat of the powerful Sybaris. Around 434 BCE, after a long war, the inhabitants of Taranto and Thurii (Sybaris refounded by Athens) founded Heraclea Lucania, in a point not far from Siris. Heraclea was the capital of the Italiotes League, battlefield between Tarentum and Rome, a refuge for Hannibal and Spartacus. The subsequent medieval town of Policoro rose around the castle.

     

    Tuition Fee and other details Cost of tuition: EUR 3000 Duration: 15 days

    Dates: May 15-29, 2019.

    May 15 Arrival day — May 30 Departure day. Maximum participants: 20

    Apart from the workshops, tuition cost includes: 1) Transportation from the airport of Lamezia Terme to the locations of the program and back, or to the railway station of Paola (CS) and back, in the following dates: May 15, 21 and 30. It does not include transportation from different airports or railway stations and transportation in different dates. 2) Accommodations in single rooms with private bathrooms. 3) Breakfast and two meals a day for two weeks, with the exception of the last dinner before departure. 4) Field trips and tickets to museums.

     

    How to Apply

    If you’d like to apply, please indicate, in a few lines, the reasons for your interest in the program, the genre of writing that interests you most, and in which language, by writing to:

    Margherita Ganeri: italiandiasporastudies@gmail.com Connie Guzzo MacParland: conniemcparlandids@gmail.com

    Deadline to apply: January 15

    Payment of the first instalment of EUR 1500 must be made by January 20th; the second instalment by March 15th.

    Requests to enroll in the program for one week will be taken into consideration. In this case the total cost of tuition will be EUR 1500 to be paid in two installments of EUR 750 each by the same deadlines.

    Depending on room availability, we accept requests for accompanying family and friends not registered in the program. Costs for accommodation, meals and field trips will be communicated upon request.

    More Info, Bios and Photos at: https://italiandiasporastudies.com/ https://www.facebook.com/ItalianDiasporaStudies/

     

    Italian  Diaspora Studies

    Writing Seminar — Heritage and Memory

    Calabria-Lucania, 15-29 maggio 2019

    Hai mai pensato che vorresti scrivere la tua storia o la storia della tua famiglia, ripescando nella memoria ricordi della tua infanzia o del passato di persone a te vicine? Hai mai iniziato un progetto di scrittura, e poi non lo hai portato a termine? Ti interessa riflettere sui temi dell’origine e sui fenomeni dell’emigrazione di massa nel mondo? Ti piacerebbe scoprire il Sud Italia e la sua ricca cultura, e approfondire la conoscenza della diaspora italiana?

    Per tutto questo e altro, il Seminario permanente “Italian Diaspora Studies” dell’Università della Calabria annuncia il lancio di un nuovo programma residenziale, dedicato al tema dell’eredità culturale e della memoria

    Anche se non sei di origine italiana, questo programma ti offre l’occasione irripetibile di un soggiorno in Calabria e Lucania per vivere un’esperienza unica, che ti cambierà la vita, arricchendo la tua cultura e stimolando la tua creatività.

    Con il patrocinio dell’Ambasciata del Canada di Roma, e con l’attesa riconferma del patrocinio del Consolato USA di Napoli, il seminario, da ora in avanti indicato con l’acronimo IDs, si svolgerà nella Calabria settentrionale e in Lucania, con una tappa di un giorno a Matera, Capitale europea della cultura 2019, dal 15 al 29 maggio 2019.

    IDs dura due settimane. Nella prima, la residenza è prevista a Morano Calabro (CS), nel Parco Nazionale del Pollino; nella seconda ad Albidona (CS), sulla costa ionica al confine con la Lucania, con varie visite guidate nel circondario.

     

    Obiettivi

    In continuità con le precedenti attività del Seminario, IDs 2019 persegue la costruzione di un'ampia prospettiva transnazionale sulla diaspora italiana, attraverso un programma Community- Engaged, focalizzato sul Sud d'Italia e sull'importanza della cultura materiale e dell’eredità culturale, che si possono esperire solo visitando gli specifici spazi della diaspora, come i paesaggi, gli ambienti, il cibo, la musica, la danza. Il nostro programma si fonda, in prospettiva intersezionale, sulle griglie interpretative di genere, classe ed etnia.

    In questo programma transnazionale e interdisciplinare, i partecipanti sperimenteranno la vibrante sensazione di sentirsi immersi in una piattaforma di dialogo e confronto tra diverse diaspore italiane in tutto il mondo, collegate agli spazi regionali in cui le tracce delle passate migrazioni sono ancora presenti. L’alternarsi di momenti formali e informali darà vita a un programma vivace e impegnato, che stimolerà la creatività della memoria e della scrittura, offrendo al contempo ai partecipanti un'occasione unica per visitare Calabria e Lucania, due regioni ricche di storia e di bellezze artistiche e naturali.

     

    Persone

    IDs 2019 è co-diretto da Margherita Ganeri e Vito Teti, coadiuvati da Connie Guzzo McParland.

    Si tratta di un seminario intensivo di scrittura creativa, che offre un workshop principale di scrittura, in inglese, tenuto da Maria Mazziotti Gillian. Intitolato: The Power of the Past: Writing Poetry to Save Your Life, il workshop si concentra sul tema della scrittura sulle storie personali e familiari. I partecipanti saranno incoraggiati e convincersi che le loro storie e memorie sono fonti di ispirazione per la scrittura poetica. Saranno incitati a rischiare nelle loro scritture, andando a scavare in profondità nel loro passato ed entrando perciò in relazione con i loro strati interiori più reali e validi.

    Altri workshops, tenuti da Margherita Ganeri, Connie Guzzo McParland e Vito Teti, saranno dedicato alla cultura antropologica e letteraria del Sud Italia e alla sua storia diasporica, alla luce della cosiddetta questione meridionale. Le gite in Calabria e Lucania saranno preparate da lezioni, alcune articolate intorno alla lettura di pagine scelte del celebre romanzo di Carlo Levi Cristo si è fermato a Eboli.

    Altri nomi di scrittori e studiosi saranno annunciati a breve.

     

    Come funziona?

    Le lezioni saranno solo di mattina, i pomeriggi saranno dedicati alle gite o saranno lasciati liberi, per scrivere. Durante le due settimane di full immersion, in cui anche i momenti di svago sono pensati per stimolare la creatività attraverso la conoscenza dei contesti e delle tradizioni locali, i partecipanti saranno guidati nella redazione di testi creativi – poesie, racconti, nuclei di romanzi e di memoirs –, e li presenteranno in pubblico in momenti conviviali serali. Gli scritti saranno pubblicati in un volume apposito, anche in formato ebook, presso l’editore Rubbettino.

    Il programma è bilingue inglese-italiano. È preferibile, ma non necessario, padroneggiare entrambe le lingue. Si scriverà però solo in una sola delle due, a scelta.

    L’Università della Calabria consegnerà un attestato di frequenza. A richiesta è possibile ottenere un certificato attestante l’erogazione di sei crediti dall’Università della Calabria.

     

    Chi si può iscrivere?

    IDs non è un programma puramente accademico. È aperto a chiunque sia interessato a conoscere la storia e le culture della diaspora italiana nel mondo, e a visitare i luoghi di partenza degli emigrati, immergendosi in un’esperienza a tutto campo, anche sensoriale, negli spazi reali e culturali del Sud Italia.

     

    Perché iscriversi?

    IDs potrebbe cambiarti la vita. Promette di essere un’avventura culturale, un’occasione per andare alla ricerca delle radici e dell’identità, e di connettersi con le origini, mentre si interagisce molto da vicino con famosi scrittori e studiosi. Inoltre, ti offre la grande opportunità di visitare la

     

    Calabria e la Lucania in un modo non banalmente turistico, e al costo più basso possibile per un soggiorno di qualità.

    Il nostro programma si svolge nei territori, coinvolgendo borghi, persone e istituzioni locali, per presentarne la ricca storia e la bellezza, e per favorire un processo di crescita conoscitiva tramite immersione - visiva, sonora, linguistica, culinaria -, nei luoghi da cui è cominciata la diaspora e in cui ha lasciato molte tracce.

    Il territorio è segnato dalla presenza degli immigrati, come dimostra il caso di Riace, noto in tutto il mondo. Ne discende che l’immersione nei borghi e nelle comunità locali offrirà anche incontri con la realtà dell’immigrazione e con il nuovo multiculturalismo italiano. L’obiettivo del programma è costruire un percorso di formazione culturale di tipo esperienziale, destinato a cambiare, nei partecipanti, l’immagine del Sud Italia e il significato dell’origine italiana.

     

    Alloggi e pasti

     

    Gli alloggi sono previsti in alberghi raffinati.

     

    Nella prima settimana la sistemazione alberghiera sarà a Morano Calabro, un borgo medievale al centro del Parco Nazionale del Pollino, che figura nella lista dei “Borghi più belli d’Italia” ed è “Bandiera arancione” del Touring Club Italiano.

     

    Saremo ospitati nell’albergo diffuso “Il Nibbio”, nel cuore del centro storico; gli appartamenti sono eleganti e restaurati ad arte.

     

    La cucina è tradizionale, con prodotti freschi rigorosamente a Km 0, e a coltivazione organica.

     

    Sono previste lezioni di cucina di ricette del luogo. http://www.ilnibbio.it/ospitalita-diffusa/

    Durante la seconda settimana alloggeremo presso la “Masseria di Torre Albidona”, una fattoria ecologica di circa 80 ettari, in posizione panoramica sul mar Ionio, con una spiaggia privata, circondata da una pineta, e una piscina. Le camere si trovano all’interno di antichi casolari contadini restaurati filologicamente.

     

    La cucina, sotto la direzione dello chef Pietro Acciardi, combina tradizione e innovazione, utilizzando solo ingredienti rigorosamente freschi e di stagione, di alta qualità.

     

    http://torredialbidona.com

     

    Gite

    Le gite in Calabria includono:

     

    • Il Parco Nazionale del Pollino è uno scrigno di siti archeologici, santuari e castelli. Le montagne del Pollino, insieme alle sue antichissime rotte dal Tirreno al Mar Ionio, sono state al centro di attività economiche, religiose e culturali di molti popoli autoctoni e civiltà coloniali. Sulla catena montuosa del Pollino c'è l'unica popolazione italiana di pino loricato (importato dal colonialismo magnogreco), altre piante e animali molto rari, così come l’avvoltoio capovaccaio.
    • Il museo delle icone bizantine di Frascineto. Dal XV secolo, Frasnita è una roccaforte della cultura, della lingua e della religione della diaspora arbëreshë. Inoltre, la Chiesa cattolica italo-albanese è una religione ibrida di culti e credi cattolici e ortodossi.
    • Civita fu un altro insediamento arbëreshë. Il centro storico si trova tra le gole del Raganello, offrendo una visita a musei, mulini, chiese e palazzi del multietnico rinascimento calabrese.
    • Il sito paleolitico di Papasidero contiene un parco archeologico e un museo che espongono una civiltà diasporica millenaria. A partire aa 12000 anni fa, la Calabria e la Basilicata sono state attraversate dalle rotte commerciali dell'ossidiana, dai ricchi giacimenti delle Isole Eolie sino all'Africa, Asia e ed Europa. Io graffito del Bos primigenius (insieme alle ossa) testimonia l'antichissima presenza della razza bovina estinta da cui discendono le mucche addomesticate.
    • Tra i porti paleolitici dell'ossidiana, le colonie greche e poi romane, le torri dei cartaginesi, i vandali, goti, longobardi, bizantini, normanni, saraceni, spagnoli, francesi, ecc., Maratea e la costa tirrenica della Basilicata offrono alte rocce a picco sul mare, cosparso di antiche storie di emigrazione, immigrazione e colonialismo.
    • Nell'antichità classica, Cosenza era la capitale dei Bretti, razza mista formatasi dagli antichi coloni greci e dagli aborigeni enotri. Oggi è la capitale della provincia, sede di musei,  chiese, palazzi e architetture che rappresentano duemilacinquecento strati di storia. Nella campagna intorno a Cosenza, dove viti e olivi sono coltivati da quattromila anni, l'Università della Calabria è il più grande campus della regione.

    Le visite sul campo in Basilicata, in seguito alla lettura di Cristo si è fermato a Eboli, di Carlo Levi, includono:

     

    • Al tempo degli antichi romani, il Praedium Allianum era già stato abitato fin dal Neolitico, essendo una via di scambio tra Enotri, Greci ed Etruschi. Aliano fu un accampamento dell'esercito di Pirro e rifugio per i monaci basiliani profughi della persecuzione iconoclasta. Carlo Levi fu confinato ad Aliano, dove fu sepolto.
    • Bernalda è un borgo medievale dove il castello si affaccia su preziose chiese, piazze, monumenti e palazzi progettati con un millennio di stili architettonici diversi provenienti da tre continenti. I nonni di Francis Ford Coppola emigrarono da Bernalda.
    • Matera fu il primo sito UNESCO nel meridione d’Italia. Le gole carsiche hanno ospitato civiltà paleolitiche e neolitiche. L'architettura scavata nella roccia della città antica è stata coabitata da molte civiltà mediterranee che le hanno abitate per migliaia di anni. Matera era la zona di contatto tra gli indigeni enotri e le civiltà micenee, la Magna Grecia, i Lucani e Apuli, Romani ei Longobardi, Saraceni, Bizantini, i Franchi di Luigi II d'Italia. Vari altri

     

    colonialismi hanno seminato in questa antica terra agricola, fino ad essere la prima città del sud Italia ad aver sollevato le armi contro il nazifascismo. Quest'anno Matera è la capitale europea della cultura, ospitando un anno di celebrazioni, mostre, spettacoli e concerti.

    • I parchi e il museo archeologico di Metaponto custodiscono una civiltà iniziata nel VII secolo BCE. La potente colonia di Sibari (in Calabria) organizzò la costruzione di una sottocolonia cuscinetto, vicino al confine con la forte colonia spartana di Taras (latino: Tarentum). Il colonialismo degli Achei era incentrato sulla produzione di orzo per l'esportazione. Pitagora fondò la sua scuola in città. Metaponto ospitò le truppe di Pirro, Annibale e Spartaco. Sebbene le architetture religiose e civili romana, medievale, rinascimentale e barocca del circondario siano state costruite con i materiali di spoglio della città greca, l'abbondanza di resti archeologici è sorprendente.
    • Le leggende dei Nostoi, gli eroi della guerra di Troia dispersi, emigrati o esiliati nel meridione d'Italia riecheggiano le prove storiche degli empori micenei nei villaggi enotri. Tra l'VIII e il VII secolo aC, i coloni greci fondarono Siris. La città declinò con la sconfitta della potente Sibari. Verso il 434 aC, dopo una lunga guerra, gli abitanti di Taranto e Thurii (Sybaris rifondata da Atene) fondarono Eraclea, in un punto non lontano da Siris. Eraclea fu la capitale della Lega Italiota, campo di battaglia tra Taranto e Roma, rifugio per Annibale e Spartaco. La successiva città medievale di Policoro sorse attorno al castello.

     

    Costo e altri dettagli Costo di iscrizione: Euro 3000. Durata: 15 giorni.

    Date: 15-29 maggio 2019 (arrivo il 15 maggio, partenza il 30 maggio). Il programma verrà chiuso a 20 iscritti.

    Oltre ai workshops previsti, la tassa di iscrizione include: 1) trasporto da e per l’aeroporto di Lamezia Terme e-o dalla stazione ferroviaria di Paola (CS) verso le destinazioni alberghiere del programma, nelle seguenti date: 15, 21 e 30 maggio 2019. Non include i costi del trasporto da altri aeroporti o altre stazioni ferroviarie, né il trasporto in giorni diversi da quelli citati.  2)  sistemazione in camere singole con bagni privati. 3) colazione, pranzo e cena tutti i giorni per due settimane, con l’eccezione dell’ultima cena del 29 maggio, che precede la partenza. 3) Le gite e i biglietti dei musei.

     

    Come iscriversi

    Chi è interessato a iscriversi è gentilmente pregato di contattare via mail una o entrambe le direttrici del programma agli indirizzi qui riportati, spiegando in poche righe le ragioni per cui vorrebbe partecipare, il genere di scrittura che predilige, e la lingua in cui vorrebbe scrivere:

    Margherita Ganeri: italiandiasporastudies@gmail.com

    Connie Guzzo MacParland: conniemcparlandids@gmail.com

     

    Le iscrizioni si chiuderanno il 15 gennaio 2019

    La tassa di iscrizione dovrà essere versata in due rate da Euro 1500: la prima entro il 20 gennaio 2019, la seconda entro il 15 marzo 2019.

    Prendiamo in considerazione richieste di iscrizione a una sola settimana del programma. In questi casi il costo di iscrizione è di Euro 1500, pagabile in due rate da Euro 750 entro le stesse date di scadenza sopra indicate.

    In base alle disponibilità delle camere, accettiamo richieste di accoglienza di familiari o amici accompagnatori non iscritti al programma. I relativi costi per alloggio, pasti e gite saranno comunicati su richiesta.

    Ulteriori informazioni, biografie e foto ai seguenti link: https://italiandiasporastudies.com https://www.facebook.com/ItalianDiasporaStudies/